Ceto

Panorama di Ceto

I suoi centri abitati sono Ceto (capoluogo), Nadro e Badetto.

Abitanti: 1784
Altitudine: m 323 slm
Superficie: 32,43 kmq
Distanze: 75 km da Brescia, 75 km da Bergamo, 27 km da Edolo
CAP: 25040

Appollaiato “in luogo ben esposto”, sulla sommità di una collinetta morenica alle pendici del Pizzo Badile, CETO è un piccolo comune della Media Vallecamonica. Il suo nome in dialetto, “Hét”, richiama il termine celtico che significa copertura di capanne con pelle, ma non si esclude possa derivare dal tedesco “Sicth” che si traduce con luogo visibile, ben esposto, o dalla voce latina “Saeptum”, luogo chiuso.

 Il territorio si estende per 32,43 kmq alla sinistra orografica del fiume Oglio (323 msl): occupa l’area pianeggiante alluvionale che ospita la SS 42, il declivio della montagna, dolcemente interrotto da pianori coltivati, da boschi di castagni, abeti e larici, e si inoltra nell’ampia e suggestiva valle laterale, la Valpaghera, percorsa dal torrente Palobbia, fino a comprendere la Conca del Listino, le Valli Dois e Monoccola, e terminare con la cima Dernal a 2825 msl. In fronte ha la splendida Concarena.

Ogni angolo del Centro Storico nel suo intrigo di viuzze può essere interessante quale testimonianza dell’antica tradizione contadina della gente del luogo. Alcuni fabbricati hanno conservato la struttura originaria di abitazione signorile; se ne possono ammirare i portali, e i loggiati.